Figli della Divina Provvidenza (FDP)

A  B  C  D  E  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  Z

ordine alfabetico per Cognome

 

 Necrologio Figli della Divina Provvidenza (ricordati nel giorno anniversario)  

 

O (19)

 

1.      Ojan Mario

2.      Olivotto Giovanni

3.      Oltolina Ersilio

4.      Omenetto Silvio Giovanni

5.      Ondei Angelo Giuseppe

6.      Oneto Fortunato

7.      Ongari Stefano

8.      Onofri Enea

9.      Opessi Giuseppe

10.  Orione Luigi

11.  Orlandi Luigi

12.  Orsini Stefano

13.  Ortega Pino Vicente

14.  Orzi Nazareno

15.  Osmalek Jan

16.  Ossowicki Tadeusz J.

17.  Oteiza Teodoro

18.  Ottaggi Eugenio

19.  Ottavi Filippo

  Sac Giovanni Olivotto

    da Grado (Trieste),  morto a Udine  il 30 novembre 1980, a 71 anni di etÓ, 46 di professione e 42 di sacerdozio.

 

   Era  nato a Grado di  Trieste  il  2  giugno 1909.

Entr˛ in Congregazione giÓ ventenne il 15 ottobre 1929 portando quindi una buona esperienza dý vita cristiana výssuta e di attivitÓ nella Azione Cattolica.

Emessi i primi voti nel 1934, completava poi i suoi studi superiori a Tortona ed emetteva i Voti perpetui il giorno della Immacolata del 1938.

Il  17  dello  stesso  mese  era  ordinato  Sacerdote.

L'anno successivo era inviato a Villa Eremo di Varallo come direttore di quell'Istituto. Passava quindi a Fano accanto al compianto Don Canavese e successivamente a Roma, nel Piccolo Cottolengo di Moiiteverde ove si prodig˛ con rara generositÓ per i vecchietti accolti in quella nascente opera, piccola ma tanto significativa.

Fu poi anche alla Camilluccia di Roma in mezzo agli orfani quando era colÓ direttore l'attuale Vescovo di Tocantinopolis (Goias) Mons. Chizzini. Per alcuni anni fu di valido aiuto nella parrocchia di Spezzano Albanese (Cosenza).

Gli ultimi anni della sua vita religiosa li pass˛ nel villaggio del Fanciullo di Palermo, che aveva ora provvisoriamente lasciato per esser meglio curato a Santa Maria la Longa di Udine, nel nostro moderno e attrezzato Piccolo Cottolengo.

Le relazioni dei superiori sempre lo qualificano źesatto, gioviale, coscienzioso, sempre pronto all'obbedienza ╗. Lo riconoscono anche amante della musica nel miglior significato del termine, in quanto il caro confratello era un provetto suonatore di strumenti a fiato e spesso fece parte dei nostri complessi bandistici, in modo particolare a Tortona, ove dirigeva la banda dei chierici che tanto piaceva al Padre Fondatore. Sempre per lui la musica era mezzo di apostolato.

Ma lo ricordiamo soprattutto per una speciale assiduita al confessionale e per una singolare prontezza nel servire i malati, anche i pi¨ ripugnanti proprio nel solco lasciatoci da Don Orione.

Il lungo ultimo calvario, lontano anche dalla sua comunitÓ di Palermo avrÓ certo contribuito in modo rilevante a rendere pi¨ fulgida la sua giÓ ricca corona di meriti.

Da: Atti e comunicazioni della Curia generalizia