Figli della Divina Provvidenza (FDP)

A  B  C  D  E  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  Z

ordine alfabetico per Cognome

 

 Necrologio Figli della Divina Provvidenza (ricordati nel giorno anniversario)  

 

T (39)

 

1.      Tacca Carlo

2.      Taggiasco Giuseppe (Fra Antonio)

3.      Tallone Stefano

4.      Tambornini Mario

5.      Tamellini Fermo Rustico

6.      Taramasso Polo

7.      Tascone Antonio

8.      Tassi Arminio Luigi

9.      Tassone Maurizio

10.  Taverna Ernesto

11.  Tedaldi Romeo

12.  Terenghi Damiano

13.  Terzi Ignazio

14.  Tessari Igino Angelo

15.  Testa Armando

16.  Tezze Teofilo

17.  Tiago Milton Zeferino

18.  Tiburzio Michele

19.  Tirello Giuseppe

20.  Tiveron Alvise

21.  Tomasella Renato

22.  Tombari Sergio

23.  Tonelli Giuseppe

24.  Tonini Quinto

25.  Tonoli Rocco

26.  Tonoli Stanislao Mario

27.  Torresan Innocente

28.  Torti Giovanni

29.  Torti Pietro Fra Giuseppe

30.  Tosetti Mario

31.  Tosik Enrico

32.  Toso Bernardino

33.  Toso Giovanni

34.  Tossutti Antonio (Fr. Placido)

35.  Tozzo Luigi

36.  Trevisan Giacomo

37.  Tricerri Antonio

38.  Troiani Domenico

39.  Troncon Giovanni

ááá Sac. Giuseppe TONELLI

  da Fano (Pesaro), passato al Signore il 25 novembre 1994 in Orionopolis di Cotia SP (Brasile), a 79 anni di etÓ, 57 di professione religiosa e 50 di sacerdozio.

Nato il 5 giugno 1915, da famiglia lavoratrice e convintamente cristiana, militava nell'Azione Cattolica, quando scelse la vita di consacrazione nella Piccola Opera della Divina Provvidenza. Entrava il 16 gennaio 1936, a Tortona: aveva vent'anni. Un breve periodo come aspirante - vestendo l'abito santo il 7.10.1936 - e venne mandato a Villa Moffa per il noviziato (1936-1937) concluso con la prima Professione il 1 settembre 1937. A fine mese tornava Don Orione dall'America Latina, e lanciava un appello per nuovi missionari "ad gentes".

Il neo-professo Giuseppe ne colse l'invito, formul˛ una domanda, Don Orione l'accolse; e nel 1938 il giovane religioso si trovava giÓ in Brasile. Una lunga giornata di 56 anni, sempre fedele, tutto preso dalla preghiera, dallo studio, dal lavoro, preparandosi alla professione perpetua che emise, in Rio de Janeiro, l'8 dicembre 1940, e al sacerdozio che ricevette a Paraiba do Sul, il 23 aprile 1944: arriv˛ a celebrare qui il suo giubileo d'oro, prima di esaurire la sua missione, e partire per la casa del Padre.

In sintesi i suoi 56 anni di "Missione in Brasile" : nella incipiente nostra opera per ragazzi a Rio de Janeiro - Gavea (1938-1949); sempre a Rio, dove il direttore don Angelo De Paoli vuole avviare la costruzione di un santuario alla Madonna di FÓtima e gli affida il grave compito, che egli conduce a buon punto con le strutture del tempio: un decennio di insonne fatica (1943-1953), diffondendo il messaggio di FÓtima con lo spirito di un autentico apostolo di Maria. Pass˛ a Belo Horizonte (1953-1961) direttore del Lar dos Meninos, vero padre degli orfani, creando nuove possibilitÓ di istruzione e di lavoro, migliorando anche il padiglione del Lar, destinato agli aspiranti della Congregazione, di cui assume la direzione (1952-1965).

In questo tempo, il Lar viene espropriato dallo Stato per avviare la cittÓ universitaria: nell'incertezza del futuro degli aspiranti, l'Opera compra il terreno e avvia la costruzione del grande seminario Don Carlo Sterpi, che dovrÓ poi accogliere anche i ragazzi del Lar: a collocare questa piattaforma, contribuisce molto P. Tonelli.

L'obbedienza lo destina alla vasta parrocchia di Niteroi, dove si inserisce con tutto il suo entusiasmo (1965-1972), svolgendo pastorale capillare nella chiesa parrocchiale e nelle molte comunitÓ (as Capelas) periferiche, oltre che alimentare ed educare i piccoli del Lar Don Orione, interni ed esterni. Nel 1972 viene inviato alla nuova parrocchia di GoiÓnia, ove da poco la direzione provinciale vuole costruire la parrocchia e le opere sociali: Don Tonelli ne assume e incrementa la pastorale, dedicandosi anche alla costruzione del tempio, che lascia funzionante, nel 1978, per recarsi a collaborare, nell'Orionopolis, a San Paolo; qui rimane fino al suo decesso, eccetto l'anno 1989, passato come ausiliare della nostra parrocchia di Sideropolis, e confessore del nostro seminario San Pio X. Anni sereni e attivi questi ultimi trascorsi nell'Orionopolis e nell'apostolato parrocchiale presso varie comunitÓ, e pure presso le case religiose anche nella grande San Paolo.

Angelo dell'accoglienza, riceveva ogni visitatore con largo sorriso e la benedizione di Don Orione. I piccoli disabili facevano grappolo intorno a lui..., sempre presente negli incontri della comunitÓ, di orazione e per i non pochi problemi della casa. Sempre vigile al telefono a rispondere e sulla soglia a ricevere gli Amici, mentre "sgrana" tanti rosari nelle lunghe attese. Al grave male prognosticato sopravisse una quindicina di giorni, nella sofferenza, felice della croce di Cristo, sempre intellettualmente desto, fino all'ultimo istante, quando si offerse al Padre, per la Congregazione, per il Papa, la missione, i poveri e la Chiesa di Dio, nello spirito di Don Orione.

Da: Atti e comunicazioni della Curia Generale - settembre dicembre 1994