Figli della Divina Provvidenza (FDP)

A  B  C  D  E  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  Z

ordine alfabetico per Cognome

 

 Necrologio Figli della Divina Provvidenza (ricordati nel giorno anniversario) 

 

D  (65)

 

1.      Da Rech Giuseppe

2.      Da Silva Antonio Aparecida

3.      Da Silva Geraldo Mauricio

4.      Dabrowski Bronislaw

5.      Dabrowski Edmund

6.      D'Addio Raffaele

7.      Dal Lago Ottorino

8.      Dall’Ovo Ferdinando

9.      Dalla Bà Dino

10.  Dalla Costa Giacomo A.

11.  Dalla Libera Aldo

12.  Dalla Libera Giovanni

13.  Dalle Nogare Giuseppe

14.  Damele Michele

15.  Danna Giuseppe

16.  Dapra Cesare

17.  D'Attilia Giovanni

18.  De Angelis Arsenio

19.  De Bettin Ottavio

20.  De Bona Oliveira Antonio

21.  De Carvalho Geraldo Cruz

22.  De Cortes Frugoni Miguel A.

23.  De Franca Vianna Augusto

24.  De Francesco Giovanni

25.  Del Fabbro Giovanni Battista

26.  De Lorenzo Attilio

27.  De Marchi Agostino

28.  De Paoli Angelo

29.  De Rosa Benito

30.  De Vido Giovan Battista

31.  Defrancesco Francesco

32.  Degaudenz Mario

33.  Degiampietro Gustavo

34.  Del Grosso Berardo

35.  Del Rosso Domenico

36.  Del Rosso Luigi

37.  Del Vecchio Cesare

38.  Del Fabbro Giovanni Battista

39.  Delfino Filippo

40.  Dellalian Giovanni

41.  Demarco Roberto

42.  Demontis Cesare Fra Pacomio

43.  Di Clemente Dionisio

44.  Di Giusto Giosuè

45.  Di Gregorio Carmelo

46.  Di Iorio Luis

47.  Di Iorio Vicente

48.  Di Nicola Vittorio

49.  Di Pietro Francesco

50.  Di Salvatore Cesare

51.  Di Stefano Candido

52.  Dobosz Francesco

53.  D'Odorico Renato

54.  Dominguez Ramon

55.  Dondero Carlo

56.  Dondero Giuseppe

57.  Donzelli Pietro

58.  D'Onofrio Cesare

59.  D'Onorio De Meo Giovanni

60.  Doria Luigi

61.  Dos Santos Jose Carlos

62.  Draghi Domenico

63.  Drzewiecki Franciszek

64.  Durante Gerardo

65.  Dutto Giuseppe

Sac. Giovanni Loreto D'ATTILIA

da Salisano (RI) 10 dicembre 1909 è morto a Roma Monte Mario il 10 aprile 2009, Venerdì Santo, a 99 anni di età, 78 di Professione Religiosa e 70 di Sacerdozio.

Il Missionario

Tornato alla Casa del Padre il Venerdì Santo 10 aprile 2009, presso il "Centro Don Orione" di Monte Mario a Roma, a 99 anni d'età, 78 di Professione religiosa e 70 di sacerdozio.

Era il terzo dei figli di Filippo e di Giuseppina Lupi, famiglia povera, laboriosa, credente e semplice. Nacque il 10 dicembre 1909 a Salisano, piccolo paese collinare in provincia di Rieti e diocesi di Poggio Mirteto. Fu battezzato il 6 febbraio 1910 e cresimato a Salisano il 19 settembre 1916 dove completò pure la scuola elementare prima di andare a studiare due anni nel collegio dei Figli di Maria Immacolata a Genova; tornato in famiglia, aiutò nei lavori di campagna, sempre desiderando di farsi missionario, nonostante il muro quasi insuperabile della povertà.

Nell'estate 1929, un religioso Francescano al quale serviva la Messa nel periodo estivo - chiedendogli se gli piaceva andare da Don Orione, rispose affermativamente e il 15 ottobre 1929 andò all'appuntamento fissatogli a Roma in Via Sette Sale. Fu accolto dallo stesso Fondatore che lo presentò ai chierici studenti riuniti in refettorio, rifocillandolo e parlando loro delle missioni. La sera stessa proseguì per Tortona, accolto da Don Sterpi, che lo assegnò subito al gruppo dei "Carissimi" che integravano studio e lavoro. Qui completò la IV e V ginnasio, lavorando alla costruzione del santuario della Madonna della Guardia, facendo poi il noviziato (1930-31) concluso con l'emissione dei primi voti nelle mani di Don Orione, il 16 febbraio 1931

II giorno seguente salpò da Genova sul "Conte Grande" insieme ad altri 4 missionari per il Sud America, giungendo a Victoria il 5 marzo successivo, accolto con calore dal P José Zanocchi, superiore della missione, allora composta da soli sei sacerdoti. Fece subito il tirocinio a Mar del Plata e Tres Algarrobos nella "pampa", assistente e insegnante alle elementari. 54 bimbi vivaci, figli di pescatori di Ischia e della Galizia.

Ottenuto il diploma di maestro con esame di Stato, nel 1933 fu trasferito a Victoria, sempre come insegnante e assistente; studiava filosofia sotto la guida di Don Dutto ed aiutava nella costruzione del collegio che Don Orione stesso, giunto nel 1934, inaugurò. Venne nominato direttore della comunità, anche se era ancora chierico di voti perpetui. Infatti aveva professato in perpetuo il 13 gennaio dello stesso anno. Dal 1935 al 1938 fece contemporaneamente gli studi di teologia sotto la guida di Don Zanocchi e Don Dutto, verso la fine dei quali, come gli predisse Don Orione - fu richiamato in Italia per essere ordinato sacerdote.

Nell'ottobre '38, su ordine telegrafico del Fondatore, s'imbarcò sul "Nettunia", giunse a Napoli. Il 7 dicembre, su invito di Don Orione, era a Milano alla posa della prima pietra del nuovo Cottolengo con la presenza del Cardinale Ildefonso Schuster.

Dopo l'ultima e intensa preparazione a Villa Moffa e Tortona, con una breve visita natalizia ai genitori, il 19 febbraio 1939 fu ordinato sacerdote da Mons. Melchiori, nel Santuario della Madonna della Guardia, avendo come "assistente" lo stesso Don Orione che il giorno seguente lo accompagnò nella prima Messa dalle Suore Sacramentine del "Groppo"

II 12 marzo 1939, con lo stesso "Nettunia" fece ritorno in Sud America con un nuovo gruppo di 15 confratelli missionari destinati al Brasile e all'Argentina. Tornato a Mar del Plata, oltre all'insegnamento, curò la costruzione della nuova scuola per avviamento al lavoro "Fabio Tavelli" e della chiesa che diverrà parrocchia, divenendone poi il primo parroco dal 1943 al 1946. Inviato a Itati, direttore, parroco ed economo, completò la costruzione del nuovo grande santuario mariano diocesano affidato alla Congregazione, terminandolo giusto in tempo per il 50° dell'incoronazione della Patrona, come voleva il Vescovo Francisco Vicentin, grande amico dell'Opera e di P Benito Anzolin, morto anzitempo durante i lavori.

Dal 1950 al 1952 fu a Victoria, direttore e parroco; con le stesse mansioni passò a Pompeya di Buenos Aires, prima di ottenere nel 1954 un anno di riposo nella parrocchia romana di Ognissanti. Nuovamente in Sud America, fu inviato a Montevideo in Uruguay con l'incarico di direttore e parroco del "Patronato" comprendente varie opere caritative e di istruzione, prodigandosi nei miglioramenti e ampliamenti sia delle opere che delle persone, nello spirito e carisma orionino di fare il bene, sempre, a tutti (1955-1964).

Tornato in Italia per assistere la madre inferma, collaborò per due anni nell'economato generale in Curia e, nel 1966, rientrato in Argentina ebbe l'incarico di economo provinciale a Buenos Aires e dopo la costituzione della nuova Provincia "N S. de Itati" con sede a Córdoba, fu ancora economo provinciale, oltre che direttore e parroco a Godoy Cruz - Mendoza prima ((1968-1978), e vicario e incaricato del collegio dopo (1978-1985), completando la costruzione del collegio "Valentin Bonetti" e la chiesa de Los Andes posta a 4200 metri d'altitudine, in adempimento di un voto di Don Orione.

Col ritorno definitivo in patria nel 1986 carico di meriti e con la salute non più florida, Don Giovanni esercitò la sua buona "gana" (voglia) d'essere ancora missionario a bene delle anime e di quanti lo avvicinavano, col ministero dell'ascolto e della riconciliazione nella parrocchia di Ognissanti a Roma fino al 2004, passando poi al Centro di Monte Mario per motivi di salute.

Vale quale sintesi della sua vita la motivazione dell'onorificenza che il Sindaco di Salisano gli consegnò in occasione dei suoi 98 anni. "I suoi ideali di apostolato al servizio dell'umanità sofferente lo portarono in Argentina per 57 anni, durante i quali fu pastore, apostolo, educatore e padre amoroso di tanti giovani sfortunati. Fondò collegi e parrocchie, comunità e asili per i bisognosi, portando fede e speranza ovunque i suoi ideali lo condussero"

I funerali si celebrarono nella parrocchia "S. Maria Mater Dei" a Monte Mario di Roma, il mattino del 13 aprile e nel pomeriggio nella chiesa parrocchiale di Salisano dove, è stato tumulato accanto ai genitori.

Atti e comunicazioni della Curia Generalizia