Figli della Divina Provvidenza (FDP)

A  B  C  D  E  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  Z

ordine alfabetico per Cognome

 

 Necrologio Figli della Divina Provvidenza (ricordati nel giorno anniversario) 

 

D  (65)

 

1.      Da Rech Giuseppe

2.      Da Silva Antonio Aparecida

3.      Da Silva Geraldo Mauricio

4.      Dabrowski Bronislaw

5.      Dabrowski Edmund

6.      D'Addio Raffaele

7.      Dal Lago Ottorino

8.      Dall’Ovo Ferdinando

9.      Dalla Bà Dino

10.  Dalla Costa Giacomo A.

11.  Dalla Libera Aldo

12.  Dalla Libera Giovanni

13.  Dalle Nogare Giuseppe

14.  Damele Michele

15.  Danna Giuseppe

16.  Dapra Cesare

17.  D'Attilia Giovanni

18.  De Angelis Arsenio

19.  De Bettin Ottavio

20.  De Bona Oliveira Antonio

21.  De Carvalho Geraldo Cruz

22.  De Cortes Frugoni Miguel A.

23.  De Franca Vianna Augusto

24.  De Francesco Giovanni

25.  Del Fabbro Giovanni Battista

26.  De Lorenzo Attilio

27.  De Marchi Agostino

28.  De Paoli Angelo

29.  De Rosa Benito

30.  De Vido Giovan Battista

31.  Defrancesco Francesco

32.  Degaudenz Mario

33.  Degiampietro Gustavo

34.  Del Grosso Berardo

35.  Del Rosso Domenico

36.  Del Rosso Luigi

37.  Del Vecchio Cesare

38.  Del Fabbro Giovanni Battista

39.  Delfino Filippo

40.  Dellalian Giovanni

41.  Demarco Roberto

42.  Demontis Cesare Fra Pacomio

43.  Di Clemente Dionisio

44.  Di Giusto Giosuè

45.  Di Gregorio Carmelo

46.  Di Iorio Luis

47.  Di Iorio Vicente

48.  Di Nicola Vittorio

49.  Di Pietro Francesco

50.  Di Salvatore Cesare

51.  Di Stefano Candido

52.  Dobosz Francesco

53.  D'Odorico Renato

54.  Dominguez Ramon

55.  Dondero Carlo

56.  Dondero Giuseppe

57.  Donzelli Pietro

58.  D'Onofrio Cesare

59.  D'Onorio De Meo Giovanni

60.  Doria Luigi

61.  Dos Santos Jose Carlos

62.  Draghi Domenico

63.  Drzewiecki Franciszek

64.  Durante Gerardo

65.  Dutto Giuseppe

Sac. Augusto DE FRANÇA VIANNA

Serenamente spentosi  nella casa di Porto Alegre (Rio Grande do Sul - Brasile) il 24 dicembre 2008, a 82 anni d’età, 61 di Professione religiosa e 55 di sacerdozio. Apparteneva alla Provincia religiosa “N. S. da Anunciaçâo” (São Paulo – Brasile).

Padre Augusto era l’ultimogenito dei cinque figli di José Luiz De França Vianna e di Maria De Campos Pitangui, sorella del celebre chirurgo plastico Dr. Ivo Pitangui. Era nato a Cuvelo nello Stato di Minas Gerais il 18 ottobre 1926, battezzato due giorni dopo e cresimato il 28 novembre 1930. Qui completò le scuole primarie e le due classi medie, conoscendo l’opera dei missionari a favore dei poveri, che favorirono la sua decisione di donarsi a Dio e al prossimo.

Rimasto fin da giovane orfano di padre, mostrava tutta la sua fede e forza d’animo, frutto dell’educazione famigliare ricevuta. Aveva due sorelle che entrarono tra le Suore della Divina Provvidenza.  Accompagnato dal P. Angelo (De Paoli?) che lo presentò come un “trumfo de muitas esperança”, fu accolto nel seminario orionino di Paraiba do Sul il 9 gennaio 1943, dove finì la terza e quarta classe, ricevette l’abito religioso da P. Rodolfo Peña e fece il ginnasio col tirocinio.

Guidato dal Padre Maestro P. Mario Ghiglione, nel ’46-’47 fece il noviziato, emettendo i primi voti nelle mani del missionario P. Pietro Martinotti, il 15 febbraio 1947. Proseguì a Rio de Janeiro gli studi del liceo e filosofia, con l’assistenza negli istituti di Paraiba do Sul e São Julião (’47-’50). Completati a Rio de Janeiro i primi due anni di teologia con la professione perpetua in Paraiba do Sul (20 gennaio 1951), fu inviato in Italia per migliorare e completare la sua formazione carismatica alle fonti della spiritualità orionina. A Tortona completò la teologia, ricevette l’ordine del Diaconato (12-04-1953), e fu ordinato Presbitero (29-06-1953) dal Vescovo Melchiori, nel Santuario Madonna della Guardia.

Dopo l’aggiornamento pastorale, l’8 settembre ’53 P. Augusto tornò in Brasile carico di zelo apostolico e sacerdotale, confortato dalla fiducia dei superiori che lo ritenevano “mansueto, gioviale, amante della vita spirituale, lavoratore, di buono spirito e doti intellettuali.”. Nelle necessità, fece di tutto, meno il parroco, come mostrano gli incarichi assunti dopo l’ordinazione. Soprattutto fu un fervente animatore delle “Madrine vocazionali” che lo resero benvoluto da confratelli ed amici.

Dal ’53 al ’55 fu direttore all’istituto di Juiz de Fora; dal ’55 al ’61 segretario provinciale a Rio de Janeiro; direttore del seminario di Siderópolis fino al ’64. Dal ’64 al ’70 fu economo provinciale. Nominato Padre maestro del noviziato di Juiz de Fora, ne divenne anche direttore nel ’75, prodigandovi impegno e competenza, aiutato anche dalla fresca licenza in filosofia e dal “Registro” de Professor, de Director de escola e do Secretario no MEC, conseguiti nel frattempo a São Paulo (’70-’79). Contemporaneamente, ebbe a varie riprese l’ufficio di consigliere provinciale (’76-’82 e ’91-’94).

Dal ’79 al ’83 diresse il Lar di Belo Horizonte, collaborando alla fase preparatoria della nuova Provincia religiosa decisa dal Capitolo del 1983: “N. S. da Anunciação” con sede a São Paulo, che diresse con pazienza, amore e dedizione per sei anni (’83-’88), inculcando lo spirito di famiglia e comunitario, tanto caro a Don Orione. Emise nelle mani del Card. Dom Eugenio Sales De Araujo il IV Voto di fedeltà al Papa, il 12 marzo 1983, a Rio de Janeiro.

Dopo il governo provinciale ebbe la direzione della comunità ed opere dell’Amparo Santa Cruz di Porto Alegre (Rio Grande do Sul) fino al ’95. Passato a Guararápes, ne fu direttore (’95-’98) e vicario economo fino al 2003, interessandosi anche alla banda musicale dell’istituto.

Ritornato a Porto Alegre come consigliere, collaborò nel ministero sacerdotale e nella guida spirituale fino alla chiamata del Signore la vigilia del Natale, testimoniando a quanti incontrava la bellezza e valore della vita religiosa vissuta e donata, sull’esempio del Fondatore.

I funerali si svolsero nella parrocchia di São Luiz Orione in Porto Alegre, con la presenza del Vescovo e sacerdoti, oltre ai numerosi fedeli.

Fu sepolto nel cimitero della città.

Atti e Comunicazioni della Curia Generalizia,n.227 settembre/dicembre 2008